Olimpiadi del Petrus 2019

Pubblicato: 31 gennaio 2019 in Uncategorized

50856907_2317875088263434_8530060866698084352_o

Le Olimpiadi del Petrus 2019 ci hanno lasciato una sensazione incredibile, qualcosa di strano, che non puoi descrivere, ma che puoi solo vivere.

Già, perchè queste Olimpiadi si ripresentano ogni anno, “questo il sesto di fila”, in sordina, senza dare troppo nell’occhio, un passa parola che se ti raggiunge ti fa scoprire questo micro mondo di persone, che per 12 ore vivono senza freni, urlano, cantano, ballano, fanno amicizia, giocano, perdono qualsiasi forma di dignità ma con un sorriso stampato in faccia che difficilmente riesci a vedere.

Noi non possiamo che restare stupiti da quanto belle siano tutte le persone che vi partecipano, perchè sono loro l’anima delle Olimpiadi del Petrus, e restiamo ogni anno stupefatti da ciò che ne viene fuori.

Quest’anno è stata un edizione super, quasi 100 iscritti per 19 squadre, 15 giochi, tutte le squadre partecipanti sono riuscite ad andare a medaglia.

STATO LIBERO DI BANANAS: arrivati per vincere e hanno vinto. Quadri, pronti a tutto, veterani delle Olimpiadi sono riusciti con 3 ori a conquistare il titolo senza tanti sforzi vincendo a Labirinto, Biscotto e Palla Calza senza puntare a giochi dove la concorrenza era spietata, CALCOLATORI

REGNO DI NAPOLI: vincitori per Miglior squadra a Tema. Un travestimento azzeccatissimo, condito a tamarraggine, macchina portata via dal carro attrezzi perchè lasciata in divieto di sosta, biglietti di concerti da vendere a prezzi stracciati e la ignità persa alle 15:00 del pomeriggio. INARRIVABILI

FIJI: quest’anno si presentano come Fijippini, tutti in divisa da lavoro, con spolverini e aspiratori al seguito pronti per far pulizia di medaglie, ma anche quest’anno per poco sfugge il secondo titolo. Ormai colonna portante delle Olimpiadi ETERNI

IRLANDA: la cenerentola olimpica, quest’anno carichi come mai, senza l’imbattibile Olanda la vittoria finale era ad un passo, ma il BeerPong anche quest’anno è fatale e i sogni di gloria restano di nuovo nel cassetto. DON CHISCIOTTE

REPUBBLICA DI VENEZIA: sempre colorata e piena di vita, la squadra della val Camonica porta sempre allegria e quel pizzico di pazzia che a noi piace. Non riescono a confermarsi in Palla Calza, ma salvano la gloria con una medaglia in Sarabanda e con un DJ Set incredibile a fine serata. GLORIOSI

SCOZIA: al secondo anno di partecipazioni non potevano restare a bocca asciutta di medaglie, ed infatti la sbloccano con una prova che resterà impressa nella mente di tutti a Contapassi, coronata da una medaglia storia a Patelle contro l’eterno tallone di Achille….le Fiji. Unica pecca in Sarabanda dove si lasciano scappare “Siamo Donne”. SULLA BUONA STRADA

SPAGNA: anche loro al secondo anno, squadra preparata e sul pezzo, cercano di vincere ovunque e in qualunque modo, alla fine saranno 4 medaglie, un sacco di urla e un titolo di Miss Petrus a metà. CASA CARTA

TERRA DI MEZZO: al primo anno ma grande rivelazione, vincono in BeerPong, bronzo in Tris e Argento in Patelle, la squadra dalle orecchie a punta lascia il segno e mette già un piede tra i favoriti dlel’anno prossimo. SORPRESA

BUTHAN: squadra storica ricca di un potenziale di mostruosità inarrivabile. Anche per loro 3 medaglie, a confermare che restano una squadra tosta da battere anche se il livello alcolico potrebbe far pensare il contrario. BALORDI

UNGHERIA: dopo un anno di riposo spirituale, riescono ad agguantare un oro in Tris e un argento in Biscotto, ma nonostante queste buone prove, si portano dietro un sacco di prove pessime al limite dell’umano. ONETA LOSER

MADAGASCAR: al secondo anno di partecipazione e ridotti da varie assenze, provano in tutti i modi qualsiasi modo per vincere una medaglia, ma riescono solo a portar a casa l’oro in Sarabanda dove si gareggia da seduti, e un bronzo a labirinto da fermi. Per l’anno prossimo serve gente che corra. BRADIPI

URSS: squadra novella, che si presenta pronta a radere al suolo l’occidente con prove al limite umano, infatti si impongono a Contapassi con una prova epica, e dei buoni piazzamenti a fubalino e labirinto. Per il resto hanno preso le misure per invaderci totalmente l’anno prossimo senza chiedere permesso. MANGIABIMBI

PERU: squadra ormai storica che riesce a generare caos, amore ed odio tutto in un unico momento. Vincitori del premio Squadra AMMERDA, anche quest’anno riescono a portare a fine giornata 2 atleti su 5, morti malamente tra un petrus e un combattimento di wrestling in Pza Roma. MOSTRI

PRINCIPATO di MONACO: le nostre fanciulle preferite, moleste e stordite. Si iscrivono tutti gli anni con una nazione a caso, dopo 5 minuti dall’iscrizione non si ricordano più per tutto il resto della giornata che sono il “principato di monaco”. Incorporano a pieno lo spirito delle Olimpiadi del Petrus, poco agonismo, tanta gioia e amnesie. LENTE

ROMANIA: squadra di mondine dell’est Europa, capitanate dall’uragano umano Gloria, ora Miss Petrus 2019 “a metà”. L’unica missione era cercare in tutti i modi di evitare il pronto soccorso, a tratti probabilmente sfioranto. GLORIOSI

GIAPPONE: squadra nuova e pronta a vincere in qualsiasi disciplina. Allenati, belli, intelligenti, ma non avevano fatto i conti con le birre, e nel giro di un attimo si sono ritrovati disorientati da urla, canti e abbracci di gente ormai in vacca. Da segnalare il momento magico in cui riescono a far cinquina a tombola con soli 5 numeri. STRAORDINARI

MONTENEGRO: la classica squadra di donzelle che prende sotto gamba le 12 ore olimpiche, infatti dopo 2 ore avevano già perso 2 anni di vita. Alla fine riescono a far valere le loro super doti, e vincono un Oro a Cannuccia. Il resto sono solo leggende sul come siano arrivate a casa sane e salve. TEEN

NUOVA ZELANDA: iscritti all’ultimo secondo, cugini della Repubblica di Venezia, sono una squadra che non accusa stanchezza e perdizione, ad ogni gara sembrano pronti alla sconfitta e invece vincono e convincono. Promettono per la prossima edizione Vittoria e Gloria eterna. OLD SIGNORINI

Statistiche e record da ricordare:

  • maggior numero di medaglie per squadra 5 Fiji e Nuova Zelanda
  • maggior numero di ori per squadra: 3 Rep.di Bananas

Cose che meritano la giusta menzione:

  • miglior squadra a tema : primo Rep.di Napoli
  • miss petrus 2019 : 1° classificate Gloria Perdomini e Linda Feraboli
  • la corale della Rep.di Venezia annessa a Dj Avvocato
  • alle 4 bottiglie di petrus finite alle 14:00
  • alle 8 bottiglie di petrus finite alle 22:00
  • alla prova Tris di Napoli vs Montenegro
  • al wrestling di Pza Roma generato dal Perù
  • al fantasma di Arisi M. nelle vicinanze del bar alla sera
  • a “Bad for Good” di Shampoo
  • la prestazione storica di Uva a contapassi

Grazie a tutti, alla prossima

27907455_1853340158050265_5364084170608393987_o

Ed eccoci di nuovo qua, per il Quinto anno di fila a cercare di riassumere una giornata che ha dell’incredibile.

Si perchè mi risulta incredibile pensare che ad ogni edizione, oltre a volti nuovi, rivedo quelli degli anni precedenti, sempre più gasati, sempre più bramosi di questa giornata, sempre più vogliosi di rendersi ridicoli e di riabbracciare e sbraitare contro vecchi e nuovi amici conosciuti proprio alle Olimpiadi del Petrus.

Ecco tutto questo penso sia lo specchio delle Olimpiadi del Petrus, nate da una competizione tra amici, ed arrivate ad essere la giornata più a caso dell’anno, dove arrivi per giocare, ma che dopo neanche 2 ore ti ritrovi in un vortice che ti porta lontano dalla quotidianità, e non pensi più a nulla.30741546_1923198867731060_4919839268274447692_n30710865_1923199294397684_8666672452385594625_n

Le Olimpiadi del Petrus siete Voi, voi che avete partecipato e generato il tutto. PUNTO

  • MORRA i favoritissimi Rep. di Venezia escono nuovamente al primo turno contro la Spagna che fino a 10 minuti prima non sapeva di cosa si trattasse il gioco, e vola fuori anche la super favorita Scozia, che inciampa contro le Fiji che alla fine arriveranno in finale contro i campioni dell’Olanda che non trovano ostacoli. Oro Olanda, Argento Fiji, Bronzo Germania.30712903_1923200131064267_7467764046310153269_n
  • FRECCETTE solita battaglia ad occhi chiusi, dove colpi senza senso e punteggi inaspettati regalano gioie e imprecazioni gratuite, ma alla fine si trovano in finale Irlanda e Zamunda che perde il suo capitano per paralisi alcolica. Oro Irlanda, Argento Zamunda e Brondo per la Danimarca.
  • KLASK gioco nuovo, che in pochi conoscevano e subito molto apprezzato (se nei prossimi anni ne sentirete parlare, ricordatevi di noi). Tensione altissima, tra tiri schivate e parate, alla fine vince la Danimarca di un super Tomas contro la grande BaBi del Buthan, bronzo per l’Olanda.30740124_1923199167731030_6781204224461574188_n
  • FUBALINO mancano le grandi squadre degli anni precedenti e quindi e battaglia apertissima, con i soliti noti del Buthan e Danimarca, che però vengono rasati a dovere dalla new entry Olanda, che stravince l’Oro, Argento per Buthan e bronzo per Danimarca.30738117_1923199197731027_4351438805251726605_n
  • PALLA TESTA altro nuovo gioco che è piaciuto molto, dove nessuno si è risparmiato e a colpi di collo a destra e sinistra alla fine nel tripudio generale vince la Rep.di Venezia davanti al baricentro basso di Gnappo di Zamunda e all’Olanda
  • BRISCOLA solito gioco per vecchi calcolatori seriali, una volta eliminato i pivelli, restano solo i veri frequentatori di bettole di paese. In finale ci sono Olanda e Danimarca, quest’ultima avanti 2-0 perde alla fine 3-2 e lascia l’oro all’Olanda, bronzo per (Italia o Irlanda)?
  • CARRIOLA non so perchè ogni tanto ci dimentichiamo di non mettere discipline fisiche, ma questa c’è scappata. In un delirio generale nei giardini di p.za Roma, scatta il gioco più imbecille della storia, Cariola tra sbronzi, calci, gente che rotola, che mangia l’erba, ma anche un momento di drammatico:

“giocatrice della Spagna per terra con gomito fuori posto. Prende in mano la situazione Monta, che con un colpo per accendere una motosega, rimette a posto il gomito e tripudio generale senza senso”

alla fine vince Fiji con i suoi muscoli, Argento alla Francia e bronzo Zamunda30725920_1925196110864669_555032394042428146_n

  • LABIRINTO un po modificato dall’anno scorso e infatti quasi nessuno riesce a chiuderlo a parte Olanda oro, Irlanda argento e Zamunda bronzo
  • BEER PONG quest’anno con i bicchieri regolamentari c’è più spettacolo con eliminazioni al primo tiro e durante la partita, Fiji cecchini assoluti ma in finale si arrendono all’ Italia, bronzo per la solita Olanda

Ha vinto l’OLANDA, seguita dalle eterne Fiji e dalla Danimarca.

Forse l’Olanda più forte dei 5 anni, la schiacciasassi, dai tempi di Gullit, Van Basten e Rjikaard che non si vedeva un dominio del genere. Sarà il loro ultimo anno con questa formazione? Sarà la fine di un ciclo?

30743857_1923202337730713_1575131966363027428_n1

Statistiche e record da ricordare:

  • maggior numero di medaglie per squadra 8 Olanda
  • maggior numero di ori per squadra: 5 Olanda
  • il più medagliato: Yurgen -Olanda- (4 ori, 2 bronzi)

Cose che meritano la giusta menzione:

  • miglior squadra a tema : primo Zamunda, seguita dai Fijici col fisico
  • miglior interpretazione : Lettonia e Germania
  • miss petrus 2018 : 1° classificate Ilaria e Carolina delle Isole Vergini, 2° class. Luchino
  • il banchetto irlandese con guinness a volontà
  • la griglia a 6000° con Cri che griglia comodamente in t-shirt
  • Il navarro che si spara 12 ore in cassa con uno strappo di 8cm al polpaccio
  • la Scozia che pensava di vincere una medaglia
  • la corale della Rep.di Venezia che ci ha deliziato con il suo repertorio
  • le tequila suicide che hanno iniziato a spopolare ad una certa ora
  • il DJ del Montenegro che ci ha fatto ballare la sera
  • Montaz che alla ruota della sfortuna vince ” hai straperso”
  • il gomito fuori posto
  • a tutti i bei ricordi frastagliati che avrete

Grazie a tutti, alla prossima